[ e-privacy XXI — Parole (Ostili) contro la RETE
"I popoli non dovrebbero temere i propri governi: sono i governi che dovrebbero temere i propri popoli."
V (da John Basil Barnhill)

I relatori

Marco Calamari (Progetto Winston Smith)

Marco Calamari. Ingegnere, classe 1955, talvolta noto come Cassandra, a 18 anni dovette decidere se comprarsi una macchina usata od un pc. Scelse il pc e da allora non si e' ancora completamente ripreso. Lavora come archeologo di software legacy in una grande multinazionale, ma e' appassionato di privacy e crittografia in Rete, dove collabora a progetti di software libero come Freenet, Mixmaster, Mixminion, Tor & GlobaLaks.

E' il fondatore del Progetto Winston Smith e tra i fondatori dell'associazione Hermes Centro Studi Trasparenza e Diritti Umani Digitali.
Dal 2002 organizza il convegno "e-privacy" dedicato alla privacy in Rete e fuori, ed e' editorialista di "Punto Informatico" dove pubblica la rubrica settimanale "Cassandra Crossing".

Emmanuele Somma (Progetto Winston Smith)

Emmanuele Somma è prestato da anni al Progetto Winston Smith, collabora con il Centro Hermes per la Trasparenza e i Diritti Umani Digitali ed è militante del Partito Radicale. È giornalista pubblicista, ha fondato Linux Magazine e dirige ""LOGIN, saving the Internet wealth"".

Giuseppe Busia (Segretario Generale Garante Privacy)

Giuseppe Busia (1969), ha iniziato a lavorare presso il Garante fin dalla sua istituzione ed ha assunto l'incarico di Segretario generale dal luglio 2012.

Avvocato, ha fra l'altro conseguito il Dottorato di ricerca in Teoria dello Stato e istituzioni politiche comparate presso l'Università di Roma "La Sapienza"; il Dottorato di ricerca in Diritto dell'economia presso l'Università degli Studi di Foggia; il Diploma di primo e di secondo livello della Faculté Internationale de Droit Comparé di Strasburgo, nonché il Diploma dell'Académie Internationale de Droit Constitutionnel di Tunisi, oltre ad aver svolto corsi di master e perfezionamento presso la New York University (New York- USA), la Scuola di scienza e tecnica della legislazione (ISLE) di Roma, la LUISS Business School di Roma, l'Universitad Católica Argentina (Buenos Aires).

Dal 2008 al 2012 è stato Segretario generale dell'Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture.

Dal 2006 al 2008 ha ricoperto l'incarico di Direttore della Conferenza Stato–Regioni nonché di Segretario della Conferenza Unificata Stato, Regioni e Autonomie locali presso la Presidenza del Consiglio dei ministri.

Nel 2006 è stato inoltre vice capo di Gabinetto del Ministero dei beni culturali.

Dal 1998 al 2005 ha fatto parte dell'Autorità di Controllo Comune istituita dalla Convenzione Europol, di cui è stato vice presidente del Comitato di Appello, nonché del'Autorità di Controllo Comune prevista dalla Convenzione sull'uso dell'informatica nel settore doganale, del quale è stato anche vicepresidente.

Ha svolto e svolge attività di docenza in diverse università italiane ed è autore di numerose pubblicazioni a carattere scientifico.

Pasquale Annicchino (Lex Digital)

Pasquale Annicchino, Research Fellow presso l'European University Institute di Fiesole è il direttore scientifico di Lex Digital (www.lexdigital.it). Su nomina del Ministro dell'interno è membro del consiglio per l'Islam italiano. Ha pubblicato su numerose riviste italiane ed internazionali. Si occupa dell'interazione fra sviluppo del diritto della tecnologia e tutela dei diritti fondamentali.

Stefano Aterno

Avvocato cassazionista, docente universitario, Certificato Lead auditor ISO 27001 Consulente privacy di enti istituzionali, società private e multinazionali. Autore di numerose pubblicazioni e monografie sugli aspetti giurdici della riservatezza dei dati personali e della privacy, del diritto penale dell'informatica e sul diritto delle nuove tecnologie. elenco quasi completo su www.studioaterno.it

Carlo Blengino

Carlo Blengino svolge la professione esclusivamente nel settore penale, con specializzazione in proprietà intellettuale, diritto dell'informatica, delle nuove tecnologie, tutela della riservatezza e dei dati personali. Collabora con le riviste on-line Medialaws.eu, Nova.ilsole24ore.com ed ha pubblicato lavori con Giappichelli Editore, UTET Giuridica, EGEA ed Aracne. E' fellow del Nexa Center for Internet & Society del Politecnico di Torino ed ha un blog personale sul quotidiano on-line ilPOST.it.

Massimo Bozza

Ingegnere Elettronico, Security Consultant, Redbull addicted. Mi occupo principalmente di sicurezza applicativa e dei sistemi embedded.

Claudio Canavese

Claudio Canavese (nickname CoD) è sviluppatore software presso l'Università degli Studi di Genova nell'ambito delle tecnologie per il web. Dal 1998 si occupa attivamente di Software Libero, diritti digitali ed accessibilità, dal 2009 al 2016 è stato presidente della Associazione per le Libertà Informatiche e Digitali di Genova, curando in particolar modo progetti legati al mondo della scuola primaria e secondaria di primo grado. Praticante di arti marziali fin dal lontano 1985, nel 2014 fonda, assieme ad altri tre maestri, lo Zanshin Tech (https://zanshintech.it/) la prima arte marziale digitale che unisce gli insegnamenti tradizionali delle arti marziali orientali con conoscenze tecnologiche tratte dal mondo della cyber security. Ha pubblicato numerosi articoli riguardanti l'aggressione digitale ed in particolare il cyberbullismo.

Fabio Carletti

Fabio Carletti aka Ryuw è un White Hat (Hacker) italiano.Noto ai più per questioni legate alla Sicurezza Informatica ha ottenuto importanti apprezzamenti in attività investigative per conto di Carabinieri e Polizia Postale. Oltre alla Sicurezza Informatica si occupa anche di Digital Forensics.

Giovanni Cerrato

Penetration tester da sempre appassionato di sicurezza degli applicativi Web. Ha conseguito la laurea specialistica in Ingegneria Informatica discutendo un elaborato nel quale venivano analizzati i meccanismi utilizzati dal rinomato “The great firewall of China” e i principi di funzionamento della censura su Internet. Attualmente lavora per la società AizoOn Technology Consulting e si occupa di tematiche inerenti la sicurezza di applicazioni Web, Mobile e sistemi Iot. E’ membro attivo del capitolato Italiano di Owasp con il quale ha partecipato al progetto “Adopt Open Source Software”, un iniziativa finalizzata a fornire supporto all’analisi di sicurezza di progetti open-source, nel gruppo di lavoro che si è occupato della piattaforma di whistleblowing GlobaLeaks.

Riccardo Coluccini

Riccardo Coluccini, collaboratore esterno di Motherboard Italia, scrive di diritti digitali ed internet governance, e si sta lentamente avvicinando al mondo dell'attivismo. Ha conseguito una laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica ma dopo un incontro ravvicinato con un drone ha avuto qualche ripensamento.

Flavio Del Soldato (Studio legale avv. Flavio Del Soldato)

Prima che un avvocato è un cittadino dell'Unione europea. Prima che un cittadino dell'Unione europea è una persona. E come persona è iscritto al Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito."

Igor Falcomatà

Si occupa professionalmente di ricerca, consulenza e formazione nell'ambito della sicurezza dei sistemi informativi e delle reti di telecomunicazione dal '98 e di informatica dal '92. Nella sua carriera ha seguito progetti per infrastrutture di sicurezza; attivita' di verifica ed analisi del rischio e delle vulnerabilita', ethical hacking, gestione e risposta agli incidenti informatici, formazione. Tra i clienti che ha seguito rientrano istituti bancari, enti pubblici ed aziende di rilevanza nazionale ed internazionale. Ha partecipato come docente o relatore a corsi, master e conferenze. E' uno dei fondatori del progetto "sikurezza.org", portale non commerciale finalizzato alla divulgazione di tematiche legate alla sicurezza informatica.

Matteo Flora (The Fool srl)

Esperto in Digital Reputation e Computer Forensics, con un forte background in Sicurezza Informativa, è CEO di The Fool, la Digital Reputation Company italiana. Ha partecipato all’IVLP2012, che seleziona personaggi nel mondo che possono portare maggiore consapevolezza e cooperazione tra gli Stati Uniti e l’Italia, co-fondatore del Centro Hermes e Professore a Contratto in “Open Source Intelligence”."

Renato Gabriele

Renato Gabriele si è occupato di ICT e reti di computer dagli anni '90, per imprese e per pubbliche amministrazioni. Partecipa al progetto dadaista di Gilda35, sperimentando le dinamiche e le influenze sui bigdata dei social network. È stato membro dell'IBM WW Mid-Market Advisory Council e del comitato direttivo di IASA (International Association of System Architects). Tra gli ultimi convegni come relatore: E-privacy 2016 - Privacy ed antiterrorismo (Roma, 4-5 novembre 2016, con Manuela Vacca), Festival Internazionale del Giornalismo, X edizione (Perugia, 9 aprile 2016, con Renato Gabriele: Hacking Team, big data e social media: quando la notizia passa (quasi) inosservata), Hackmeeting 2014: Alla ricerca della Black-op perduta, Festival Internazionale del Giornalismo 2015: Swarm Intelligence a Perugia e "@ItaGovEdits: quando i governi modificano Wikipedia" a Bologna.

Giovanni Battista Gallus

Diritto d’autore, diritto penale, tutela della privacy e diritto dell’informatica e delle nuove tecnologie sono le sue principali materie di competenza. Dopo la laurea cum laude in giurisprudenza in Italia si trasferisce in Gran Bretagna per il Master of Laws in Maritime Law e Information Technology Law alla University College London – UCL.. In seguito consegue il titolo di dottore di ricerca. Nel 2009 ottiene lo European Certificate on Cybercrime and Electronic Evidence (ECCE). È ISO 27001:2005 Certified Lead Auditor (Information Security Management System).Iscritto all’Albo degli Avvocati dal 1996, Cassazionista dal 2009, collabora con la cattedra di Informatica Giuridica dell’Università di Milano ed è docente al Corso di Perfezionamento in Digital Forensics, Privacy, Cloud e Cyber Warfare. Fellow del Nexa Center on Internet e Society e del Hermes Center for Transparency and Digital Human Rights. Autore di diverse pubblicazioni sui temi citati e relatore nei principali convegni nazionali e internazionali, affianca alla professione attività di formazione, in particolare nel campo del diritto d’autore, del Free software – Open Source, della tutela della privacy, della sicurezza informatica e della digital forensics. Past Presidente del Circolo dei Giuristi Telematici, fondato nel 1998, primo esempio italiano di associazione giuridica telematica. È inoltre membro del Consiglio Direttivo di ANORC, Associazione Nazionale per Operatori e Responsabili della Conservazione Digitale, e di ABIRT, Advisory Board Italiano dei Responsabili del Trattamento dei dati personali.

Andrea Ghirardini

Andrea "Pila" Ghirardini lavora da oltre 17 anni nel campo della sicurezza informatica, al supporto di forze dell'ordine e compagnie private. Ha inoltre un POV particolare avendo lavorato sia per una telco a caso ex monopolista sia per una società che si occupa di intercettazione e sorveglianza di massa.

Diego giorio (SEPEL Editrice)

Dopo gli studi in elettrotecnica ed ingegneria meccanica, ho lavorato nella Ricerca&Sviluppo di un’azienda elettronica, in seguito mi sono trasferito negli USA per occuparmi di technical marketing e successivamente di WEB marketing. Dopo qualche altra esperienza nell’industria, sono entrato nella PA ed ho continuato ad interessarmi dell’informatizzazione, particolarmente applicata alla PA, affiancando quindi agli aspetti tecnici i problemi giuridici. Dal 2009 collaboro con la rivista Lo Stato Civile Italiano, ed. SEPEL, con la quale ho pubblicato svariati articoli in materia di informatizzazione ed in materie demografiche. Membro del Centro Studi Informatica Giuridica Torino Ivrea (http://www.csigivreatorino.it), ho collaborato, attraverso l’Associazione, alla Commissione Madia per le problematiche del telelavoro. Anche attraverso l’Associazione Federprivacy (http://www.federprivacy.it/), seguo le problematiche relative alla privacy, naturalmente con particolare riferimento alla Pubblica Amministrazione. Collaboro inoltre col Punto Informatico (http://punto­informatico.it/)

Alessandro Guarino (StudioAG)

Consulente in materia di sicurezza delle informazioni, cyber security e protezione dei dati. Specialista in informatica forense e consulente tecnico di parte e di ufficio. Ricercatore indipendente, ha avuto l'opportunità di presentare il suo lavoro tra l'altro a CyCon 2013 (5th NATO CCD COE Conference on Cyber Conflict), ISSE (Information Security Solutions Europe) e in vari workshop in Europa e Asia. Attivo nelle organizzazioni europee per la standardizzazione, ha in particolare contribuito alle norme ISO sulle investigazioni digitali e la forensics.

Laura Harth (rappresentante all'ONU del Partito Radicale)

Laura Harth è ricercatrice dottoranda presso l'Università di Exeter, Regno Unito. Il dottorato è finanziato dal South West Doctoral Training Centre (Economic and Social Research Council, UK). Ha completato con lode il suo Master in Diritto Internazionale ed Europeo presso l'Università di Ghent, in Belgio, il Master europeo in Diritti dell'Uomo e Democratizzazione con una tesi sul potere della nonviolenza presso l'Università di Padova, Italia, e il Master di Ricerca in Scienze Politiche presso l’Università di Exeter. È attualmente Rappresentante del Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito presso le Nazioni Unite.

Francesco Paolo Micozzi

Francesco Paolo Micozzi: avvocato specializzato in diritto dell’informatica e delle nuove tecnologie, privacy e diritto d’autore. Scrive per LeggiOggi e cura il blog Quid Novi. Collabora con le cattedre di Informatica Giuridica e Informatica Giuridica Avanzata dell'Università di Milano, ed è fellow del Centro Hermes per la Trasparenza e i Diritti Umani Digitali. Autore di pubblicazioni in tema di diritto penale dell'informatica e diritto d'autore e relatore nei principali convegni nazionali in materia, svolge anche attività di formazione per professionisti e pubbliche amministrazioni. Fa parte del gruppo di lavoro della Fondazione Italiana per l'Innovazione Forense presso il Consiglio Nazionale Forense, per il quale, a Bruxelles, presso il Consiglio degli Ordini Forensi Europei siede nei gruppi Surveillance ed E-justice.

Diego Naranjo (EDRi)

Diego Naranjo is a qualified lawyer and co-founder of the Andalusian human rights organisation Grupo 17 de Marzo. During the last six years, Diego has been specialising on human rights law. He owns a Master's degree in human rights from the European Inter-University Centre for Human Rights and Democratisation in Venice.

Diego joined EDRi in October 2014 as Advocacy Manager. He advocates for the protection of citizens' fundamental rights and freedoms online in the fields of data protection, surveillance and copyright. In the past, Diego gained experience in the International Criminal Tribunal for former Yugoslavia, the EU Fundamental Rights Agency (FRA) and the Free Software Foundation Europe. Previously to all that he worked as a lawyer in Spain.

Diego is co-author of the Council of Europe's Study DGI(2014)31 ""Human Rights Violations Online"": https://edri.org/files/EDRI_CoE.pdf, prepared by EDRi for the Council of Europe on 4 December 2014.

Twitter: @DNBSevilla

Andrea Palumbo

Andrea Palumbo è avvocato e si occupa di privacy, diritto delle nuove tecnologie e sicurezza informatica, materie nelle quali svolge anche attività di consulenza e formazione presso imprese e pubbliche amministrazioni. Attualmente è Dottorando in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi Milano-Bicocca dove sta completando un progetto di ricerca sul concetto tedesco di privacy. E’ spesso relatore a convegni e conferenze specialistici sui temi di legati al mondo ICT.

Aldo A. Pazzaglia (Studio legale avv. Aldo A. Pazzaglia)

L'avv. Aldo A. Pazzaglia si occupa da diversi anni della tutela dei dati personali, sia delle persone fisiche che delle società, enti ed associazioni. Ha al suo attivo una serie di ricorsi, ai sensi del Codice della Privacy, al Garante per la Protezione dei Dati Personali, di ricorsi all'Autorità Giudiziaria Ordinaria, nello specifico al Tribunale, anche sotto il profilo del risarcimento del danno, ed, infine, di ricorsi alla Corte di Cassazione, con richieste di rinvio pregiudiziale, obbligatorio o facoltativo, alla Corte di Giustizia dell'Unione Europea. Membro del Comitato Radicale per la Giustizia ""Piero Calamandrei"" si è sempre interessato, nell'attività personale e professionale, nella tutela dei diritti fondamentali dei clienti, anche non persone fisiche, tra cui quello alla riservatezza ed alla tutela dei dati personali ex Convenzione Europea dei Diritti dell'Uomo.

Fabio Pietrosanti (HERMES)

Fabio Pietrosanti frequenta, con il soprannome “naif” l’underground digitale italiano dal 1995 e si occupa professionalmente di digital security dal 1998. Presidente e co-fondatore del Centro Hermes per la Trasparenza e i Diritti Umani Digitali, è attivo in diversi progetti per la diffusione di consapevolezza, strumenti e tecnologie a supporto della libertà di espressione e della trasparenza. Membro di Transparency International Italia, gestore di nodi di anonimato Tor e di pubblicazione anonima Tor2web, è fra i fondatori del progetto di Whistleblowing GlobaLeaks, oggi in uso tanto nel mondo del giornalismo, dell’attivismo quanto nella pubblica amministrazione con finalità di contrasto della corruzione. Si occupa di innovazione tecnologica, progettazione software nell’ambito del whistleblowing, della tutela della riservatezza delle informazioni e dell’anonimato digitale. Veterano del mondo dell’hacking e del software libero, ha partecipato a progetti e community quali sikurezza.org, s0ftpj, Progetto Winston Smith, Metro Olografix. Professionalmente ha avuto esperienze come network security manager, senior security advisor, imprenditore e CTO di una startup impegnata nello sviluppo di sistemi di cifratura delle telefonate cellulari.

Andrea Puligheddu (Orlandi&Partners Studio Legale)

Mi sono laureato in Giurisprudenza a Bologna nel 2015 con una tesi in materia di diritto di Internet e Social Media. La mia passione per il diritto applicato alla tecnologia nasce già all’interno dell’ambito universitario, portandomi a trascorrere un periodo di studio e lavoro all’estero in cui ho approfondito attraverso un progetto formativo il tema del diritto all’oblio, i big data applicati all’ambito bancario e il nuovo Regolamento Europeo n. 679/2016 in materia di protezione dei dati personali (GDPR). Da lì in avanti ho maturato una crescente esperienza come Praticante Avvocato in materia di diritto dell’informatica, privacy e protezione dei dati personali, fornendo servizi di consulenza a società pubbliche e private (sia di carattere nazionale che internazionale), assistenza in contenziosi dinanzi all’Autorità Garante per la protezione dei dati personali e partecipando come relatore a workshop e corsi di formazione. Dal 2016 sono Partner dello Studio Legale Orlandi. Mi occupo anche di tecnologia in ambito militare e sorveglianza di massa, pubblicando regolarmente contenuti editoriali. Dirigo la sezione Cyber della testata Difesa Online, nella quale vengono affrontati i temi connessi alla protezione delle infrastrutture critiche e alla difesa dei dei cittadini nel cyberspazio; collaboro infine con Limes Online -Gruppo Repubblica Espresso per quanto concerne il rapporto tra tecnologia e geopolitica. Dal 2017 sono Tutor Didattico per gli studenti di Giurisprudenza, nel contesto delle attività formative del Collegio Universitario d'Eccellenza Bononia, Fondazione CEUR.

Claudia Roggero, Valentina Mayer (Dandi Media)

Gli avvocati Claudia Roggero e Valentina Mayer sono le co-founder partners di DANDI.

Siamo specializzate in diritto d’autore e dei media e forniamo la consulenza legale necessaria a chi lavora con la creatività e la proprietà intellettuale, attraverso l’esperienza professionale e un aggiornamento costante sui cambiamenti legali del copyright e dei new media.

Fulvio Sarzana

Fulvio Sarzana di S. Ippolito, si è laureato in Giurisprudenza all’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” con lode.

E’ autore di Monografie sui profili Organizzativi e Normativi del Governo degli Enti Locali

E’ autore di testi sulla sicurezza dei cittadini negli Enti Locali, attraverso l’uso delle nuove tecnologie.

Ha partecipato alle Campagne sulla trasparenza degli Enti Locali e centrali attraverso l’accesso ai documenti delle Pubbliche Amministrazioni, promuovendo iniziative di sensibilizzazione sulla Trasparenza e sul conflitto di interessi.

Monica Senor

Monica Senor è avvocato penalista specializzato in diritto penale delle nuove tecnologie, privacy e data protection. E' fellow di NEXA, il Centro per Internet & Società del Politecnico di Torino, membro della Commissione informatica del COA di Torino, del comitato scientifico dello CSIG (Centro studi di informatica giuridica Ivrea-Torino) e del CSPT (Centro Studi per il Processo Telematico). Collabora con le riviste online Medialaws.eu, IlProcessoTelematico.it e ForumPA.it ed ha pubblicato lavori con Egea, Giappichelli, Springer, UTET Giuridica ed Aracne.

Pietro Stroia

Ingegnere Informatico, Security Consultant principalmente nel campo della sicurezza applicativa. Appassionato del mondo open-source e della sua filosofia, con un debole per la crittografia e il "low-level".

Manuela Vacca

Giornalista, PhD, si occupa di tecnologia e innovazione, cultura e spettacolo, economia e cronaca, è attualmente addetto stampa della Regione Sardegna. Come attivista per la diffusione della cultura dei dati aperti ha promosso le cinque edizioni del "Cagliari open data day". Sente l'urgenza di diffondere consapevolezza sull'importanza di difendere la privacy. Tra gli ultimi convegni: "Festival Internazionale del Giornalismo", XI edizione (Perugia, 7 aprile 2017), con Renato Gabriele: "Autodifesa digitale: istantanee del giornalismo italiano", "E-privacy 2016 - Privacy ed antiterrorismo" (Roma, 4-5 novembre 2016, con Renato Gabriele), Festival Internazionale del Giornalismo, X edizione (Perugia, 9 aprile 2016), con R. Gabriele: "Hacking Team, big data e social media: quando la notizia passa (quasi) inosservata", "E-privacy 2015 - La trasparenza e la privacy" (Roma, 2-3 luglio 2015), "Open Data in Italy and Europe: HOMER project results, lessons learnt and future development. HOMER steering committee meeting" (Cagliari, 3 febbraio 2015) e "E-privacy 2014. Internet delle cose" (Cagliari, 17-18 ottobre 2014).

Giovambattista Vieri

Giovambattista Vieri, son nato nel 1964, sono appassionato di informatica da quando avevo 16 anni e con l'aiuto del saldatore modificavo lo spectrum. Ho poi lavorato nell'industria aerospaziale (project leader) sia su GUI sia su apparati embedded, passando poi a societa' di consulenza e formazione (responsabile gruppo internet), poi a societa' editoriali con ruoli anche inerenti la IT security. Infine imprenditore (molto piccolo) e consulente. Nei ritagli di tempo, scrivo software che poi libero . Son anche molto appassionato di Storia (antica e recente) e sport. Amo la cucina e la buona tavola condita da discussioni interessanti.

Stefano Vignera (Bislab)

Mi chiamo Stefano Vignera, mi sono laureato in Giurisprudenza, indirizzo internazionale, presso l'Università degli studi di Milano (Statale) e dal 2012 lavoro in uno studio legale di Milano specializzato in Diritto del Lavoro.

Dal 2017 sono entrato a far parte del Bislab, laboratorio di ricerca dell'Università di Milano Bicocca che si occupa di sicurezza nel settore dell'information technology, raggruppando professori, ricercatori, professionisti e studenti specializzati in Informatica e Diritto.

Efrem Zugnaz (Progetto Graesanus)

Efrem Zugnaz, opera nel settore IT da piu' di venti'anni. Attualmente si occupa di IT Governance per una concessionaria Autostradale. Avendo passato molte fasi tecnologiche ora si occupa di portare in maniera gratuita a quanti piu' possibile buone prassi ed informazioni per i cittadini digitali, con lo scopo di alimentare una sfera privata digitale etica e corretta.

Roberto Premoli

Faccio parte della generazione che ha imparato a programmare sugli "8 bit". Passato a GNU/Linux apprezzandone la filosofia della condivisione e della cooperazione. Non sono d'accordo sulla pervasività dei metodi di tecnocontrollo e ho sviluppato una soluzione che la constrasta.

Organizzato da

In collaborazione con

Patrocinato da

Supporter

Media Partner